Banner Il Tempio Esoterico
Logo_testata_ReMusic
Italiano

Integrato AMP-150 e lettore CD CDD-1 Gato Audio

15.09.2014..
Gato Audio AMP-150 e CCD-1 miniatura

ll fattore WAF - Wife Acceptance Factor e i moderni ambienti domestici, non troppo ampi ma arredati con stile, sono due fattori decisivi quando si tratta di scegliere per l'acquisto di apparecchiature Hi-Fi e, credetemi, questi Gato Audio godono di un discreto fascino da parte del pubblico femminile e non solo. Inutile negarlo: sono proprio belli! Prima di essere delle apparecchiature Hi-Fi sono delle vere e proprie opere di design che ben si inseriscono nei nostri ambienti domestici.


Dopo i diffusori Gato Audio PM-6, recensiti da Leonardo Mariotti e Mauro Simolo, è la volta dell'amplificatore Gato Audio Amp-150 e del lettore CD/DAC Gato Audio CDD-1.


Ma chi è Gato Audio? Chi c'è dietro questa nuova azienda danese? Poul Rossing è una delle risposte, semplice ed esaustiva soprattutto per i danesi, visto l'impegno di Poul in campo Hi-Fi da circa mezzo secolo.


Gato Audio muove i primi passi nel 2007 in una località alle porte di Copenaghen. Poul, assieme all'ingegnere Rasmus Holm, Frederik Johansen e Kresten Dinesen, pensano di realizzare apparecchiature Hi-Fi di fascia alta, con i migliori componenti presenti sul mercato, vedi ad esempio gli ottimi driver Scan-Speak dei diffusori Gato Audio FM-6. Strizzando sempre non uno, ma due occhi all'estetica e al confezionamento di prodotti "user friendly". Esteti tanto quanto Oscar Wilde, il loro design è curatissimo.


Il sito internet è intuitivo e visivamente affascinante, la loro stanza al salone del Munich High-End 2013, a detta del direttore Roberto Rocchi e di sua moglie Silvia, era tra le più belle e l'accoglienza molto calorosa, insomma questi danesi sanno sicuramente cosa si intende per marketing.

Gato Audio AMP-150 | Descrizione
Si tratta di un amplificatore integrato da 150 watt per canale su 8 ohm in classe A/B e viene proposto ad un prezzo di 5.900,00 euro. Una volta estratto dall'imballo, si stenta a credere che siano riusciti a infilare tutto dentro a un cabinet così bello e compatto, addirittura anche un pre phono! Le proporzioni privilegiano la profondità. Il design a curve anziché a spigoli fa apparire il Gato Audio ancora più snello, ma il peso di circa 14 kg rimette subito le cose in chiaro.


Il pannello superiore è disponibile in varie livree tutte in essenza di legno. Sul pannello anteriore troviamo due manopole in alluminio ricavate dal pieno. Una per la selezione degli ingressi, l'altra per il controllo del volume. Il tasto mute e infine il tasto heat. Quest'ultimo serve a far arrivare più velocemente l'amplificatore alla temperatura ideale d'esercizio. A detta del costruttore bastano quindici minuti, ma nell'esemplare a mia disposizione la spia del preriscaldamento si è spenta non prima di una mezz'ora.


Veniamo ora al display analogico retroilluminato, con intensità della luce regolabile che, pur non essendo il top per facilità di lettura specie per gli audiofili un po' più anzianotti e con qualche grado visu in meno, è veramente bello e colpisce per originalità al momento dell'accensione. I fianchetti laterali in alluminio, oltre ad avere la funzione di dissipatori del calore, impressionano per la loro linea e la perfezione con cui sono stati lavorati, credo che le foto siano più eloquenti di mille parole! L'affollato pannello posteriore ospita, oltre all'ingresso phono e gli altri ingressi RCA, un ingresso XLR, il pulsante di accensione e degli ottimi connettori WBT.


Ho provato a dare una sbirciata all'interno, ma non è una cosa semplicissima visto il poco spazio in cui è stipata la circuitazione e una certa difficoltà di smontaggio del telaio. Ciò che spicca è il grosso trasformatore toroidale Novatel. La componentistica utilizzata sembra di buona qualità ed il cablaggio è abbastanza ordinato nonostante i ristretti spazi, chissà quanto tempo hanno speso nel progettare il layout di questo amplificatore!

Gato Audio CDD-1 | Descrizione
Anche il lettore CD/DAC CDD-1 riporta un prezzo di 5.900,00 euro e utilizza praticamente lo stesso cabinet ed una volta messi l'uno a fianco dell'altro offrono veramente una visione straordinaria.


Tramite l'ingresso USB asincrono possiamo far diventare il Gato Audio CDD-1 un vero proprio centro multimediale a cui collegare il PC o l'Ipod. La meccanica utilizzata è la famosa e collaudata Philips CD PRO2 con caricamento dall'alto, è fissata ad un solido blocco di alluminio dal peso di circa 1 kg. I convertitori Burr Brown sono in configurazione dual mono e sono in grado di raggiungere i 24 bit/192 kHz. Come per l'amplificatore, molto bello il display ma ancor meno pratico, visto le tante funzioni che deve espletare. Il CDD-1 può inoltre essere anche utilizzato sia come solo trasporto, come ho fatto io abbinandolo all' MSB DAC IV, o solo come DAC. Infine una menzione per il bellissimo telecomando anch'esso di ottima fattura e in grado di controllare entrambi gli apparecchi.

 

Ascolti
Ho iniziato inserendo in vari setup il solo amplificatore AMP-150 e successivamente utilizzandolo in accoppiata con il CDD-1. L'amplificatore è stato testato nel setup del direttore Roberto Rocchi, in quello del collaboratore e amico Roberto Fugito e infine è stato inserito in vari setup durante la manifestazione Follie Autocostruite.

 

Onestamente non è stato semplice mettere l' AMP-150 nelle condizioni di esprimersi al meglio, la conclusione a cui sono giunto è che questi apparecchi riescano ad esprimersi al meglio in configurazione full Gato Audio, prova che, se ce ne sarà l'occasione, mi riprometto di fare.


Ciò che è emerso dalla prova dell' AMP-150, è l’idea di un amplificatore muscoloso in grado di pilotare la maggior parte dei diffusori in commercio, ma che tende a metterci del suo nella riproduzione del messaggio sonoro. In tutti i setup ho riscontrato la predilezione per generi musicali ritmati, come rock, reggae e sì, anche la dance! Ascoltare i Depeche Mode o i Massive Attack è stata un' esperienza piacevole, meno piacevoli sono state le voci femminili o le grandi orchestre.


Ciò che risulta fin da subito è una gamma acuta in evidenza, che a bassi volumi può risultare anche piacevole ma alzando il volume d'ascolto tende a diventare fastidiosa, con una tonalità tendente al freddo.

 

L'immagine sonora viene circoscritta nel raggio d'azione dei diffusori e la dinamica specialmente la macro, risulta di buon livello.


Una volta collegato il CDD-1, tramite l'ingresso bilanciato con i cavi di segnale White Gold, le cose sono migliorate. Pur mantenendo la medesima impostazione, il suono adesso risulta più equilibrato ma soprattutto ciò che si manifesta in modo evidente è il grande balzo in avanti a livello di espressione dinamica. Adesso è tanta la voglia di alzare il volume per ascoltare Violator dei Depeche Mode a pressioni sonore non proprio condominiali.


Sicuramente l'inserimento nella catena del CDD-1 giova all'ascolto di questi prodotti. Mi domando come sarebbero andate le cose collegando anche i diffusori Gato Audio FM-6. Mi convinco sempre di più che la catena completa Gato Audio, oltre a soddisfare il gusto dell'arredamento della moglie, potrebbe anche convincere l'appassionato audiofilo.

Conclusioni
I Gato Audio AMP-150 e CDD-1 si sono dimostrati insieme un'accoppiata muscolosa, dalla linea estetica e dalla qualità costruttiva di ottimo livello che ben si possono inserire nel normale salotto domestico o in ambienti con arredamenti di design moderno, o anche classico scegliendo la finitura più idonea.
Un prodotto destinato a chi strizza l'occhio all'estetica cercando di non compromettere più di tanto l'ascolto se considerati singolarmente. Se invece si opta a favore di un sistema completo Gato Audio, si potrebbe anche garantire il soddisfacimento delle esigenze audiofile più spinte.
In questo modo le mogli saranno contente, gli audiofili puristi ed estremisti meno, ma un sorriso della propria consorte vale tantissimo e la pace familiare è fatta.

 


Caratteristiche dichiarate dal produttore:

Gato Audio AMP-150
Potenza di uscita: 2x150W RMS 8ohm / 2x250W RMS 4ohm
Ingressi: 1 bilanciato, 4 linea e 1 phono
Distorsione armonica totale: <0,05%
Risposta in frequenza: 20Hz-20kHz ±0.5dB
Rapporto segnale rumore: >100dB
Dimensioni:mm 325x105x420mm (LxAxP)
Peso: 14kg
Prezzo in Italia alla data della recensione: 5.900,00 euro


Caratteristiche dichiarate dal produttore:

Gato Audio CDD-1
Ingressi digitali: 24bit/192kHz USB e Spdif
Rapporto S/N: 120dB
Risposta in frequenza: 20Hz-20kHz ±0.2dB
Dimensioni: 325x105x420mm (LxAxP)
Peso: 10kg
Prezzo in Italia alla data della recensione: 5.900,00 euro


Distributore ufficiale per l'Italia: al sito de Il Tempio Esoterico
Sistema utilizzato: all'impianto di Francesco Taddei

N.d.T. | Abbiamo dovuto riconsegnare subito dopo la prova il lettore CD Gato Audio. Non abbiamo quindi potuto provvedere alle consuete foto ad alta qualità. <br />Ce ne scusiamo con i lettori, rimandandoli al sito del costruttore per ulteriori immagini.
N.d.T. | Abbiamo dovuto riconsegnare subito dopo la prova il lettore CD Gato Audio. Non abbiamo quindi potuto provvedere alle consuete foto ad alta qualità.
Ce ne scusiamo con i lettori, rimandandoli al sito del costruttore per ulteriori immagini.
 
di Francesco Taddei
Leggi altri suoi articoli

Torna su

Pubblicità

DiDiT banner
KingSound banner
Banner Extreme Audio

Is this article available only in such a language?

Subscribe to our newsletter to receive more articles in your language!

 

 

 

Email:
Lingua:

Pubblicità

HighResAudio banner
Dream Streaming banner