Banner Il Tempio Esoterico
Logo_testata_ReMusic
Italiano

Io e il mio impianto

Diritto d’autore: i direttori si presentano
25.03.2012..

Sono appassionato di audio da più di quarant’anni. Mio padre nel 1968 acquistò un magnifico compatto Grundig con radio a valvole e giradischi, amplificazione a valvole da ben tre watt, un magnifico mobile in teak lucido, ancora oggi gelosamente conservato a casa di mia madre. 

La mia primissima esperienza audio è stata quella di cannibalizzare gli altoparlanti da vecchi televisori per inserirli nelle confezioni in polistirolo delle torte congelate, nel tentativo di migliorare la stereofonia del Grundig.

Risale al 1992 la mia prima collaborazione con la rivista Suono, all’epoca Bebo Moroni era direttore e Mario Berlinguer, di cui conservo un carissimo ricordo, era il vice. Poi c’è stata Fedeltà del Suono e adesso ho fondato e dirigo ReMusic assieme all’amico Giuseppe Castelli, senza il quale ReMusic non esisterebbe proprio.

Lo confesso. Mi sto divertendo come un bambino. ReMusic mi permette di fare liberamente tutto ciò che non ho potuto fare in venti anni di cosiddetto giornalismo: recensioni che siano prima di tutto informazione; redazionali interessanti che parlino di sistemi audio e di musica; articoli di approfondimento tecnico-scientifico. 

Poco è stato fatto fino ad adesso, moltissimo rimane da fare.

Ma in questa occasione desidero parlare del mio impianto, anzi dei miei due impianti di riferimento.

Innanzi tutto per impianti di riferimento non intendo proporli come i migliori impianti in assoluto, sono invece due impianti che interpretano il mio suono, il mio modo di intendere la musica riprodotta. Se proprio volete insistere sul riferimento, allora dirò che sono due impianti di media caratura che fanno dell’equilibrio timbrico la caratteristica principale. La “media caratura” mi permette di valutare in modo immediato tutto ciò che è “un po’ meglio” e tutto ciò che è “un po’ peggio”.

Come spesso capita a chi ha da sempre ben in mente il risultato sonoro che desidera ottenere, cosa che auguro a tutti gli audiofili, sono arrivato alla conclusione che sia necessario autocostruirsi alcune delle apparecchiature che compongono il sistema.

 

 

Sorgente analogica

giradischi JA Michell Gyro Dec

braccio SME IV

testina Transfiguration Spirit a bassa uscita

step up Fidelity Research FRG-3G

pre phono MM20 e MC20 AM Audio con alimentazione separata

 

Sorgenti digitali

Stat Audio The One con meccanica Philips CDM Pro2 e quattro convertitori Wolfson WM8740 preceduti da un asynchronous sample rate convertitore 192KHz collegato direttamente al transport con protocollo I2S e alimentazione separata

Teac VRDS 25X con modifica AM Audio

Onkyo DX 7355 da me modificato


Preamplificatori

Stat Audio dual mono

Plinius 12

Audiosophia pre RR

 

Amplificatori integrati

Audio Innovation  series 500

Stat Audio

 

Finali di potenza

AM Audio B-80 mono in classe A da 80 watt

 

Diffusori

Stat Audio Immagine

Audiosophia RR

AM Audio Rossini Improved

Arte Acustica Classic Line Stand 93

Klipsch Heresy I USA 1979 N° di serie 92T278 e USA 1980 N° di serie 93U301 modificate Audiosophia


Cavi

Omega Audio Concepts

White Gold

vari autocostruiti

Torna su

Pubblicità

Vermöuth Audio banner
DiDiT banner
KingSound banner

Is this article available only in such a language?

Subscribe to our newsletter to receive more articles in your language!

 

Questo articolo esiste solo in questa lingua?

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli articoli nella tua lingua!

 

 

 

Email:
Lingua:

Pubblicità

Dream Streaming banner
HighResAudio banner